[fissa per preferiti]

Graziella Molinari

E' nata nell'Agosto del 1931 a Como dove vive la sua infanzia e la sua giovinezza. 
Tradendo la sua inclinazione per gli studi umanistici, consegue il diploma di perito chimico presso l'Istituto Nazionale di Setificio. A ventidue anni si sposa, ha due figlie e si dedica alla famiglia coltivando nelle pause di questa attivit la sua passione per la letteratura, per la poesia e l'arte in genere. Nella seconda met degli anni settanta - le figlie ormai cresciute - con alcuni amici che condividono i suoi stessi interessi fonda il gruppo letterario crya. Il nome stato scelto per il suo significato : "termine sanscrito che significa colui o anche il luogo dove si insegna con l'esempio".  Diventa presidente dal 1984 al 1989 ( 2 mandati) e dal 2001 al 2003. Da allora opera attivamente nel campo culturale comasco promovendo incontri, rassegne, dibattiti, convegni e sopratutto idee innovative. Ha inoltre sempre rivolto particolarmente l'attenzione ai temi sollevati dal recupero, la salvaguardia, la valorizzazione (portandone un grosso contributo) e la conservazione del nostro patrimonio culturale di cui il dialetto parte integrante. Molte sue poesie e prose sono state pubblicate in diverse antologie e riviste letterarie nonch sui giornali cittadini.
Nel 1990 ha pubblicato una sua raccolta di poesie in dialetto comasco come quaderno dell'crya nr. 14 dal titolo: " Riv a Pekino". Nel 2011 quaderno dell'crya nr. 39 "E p... Shahrazd".

Socia della Famiglia Comasca, collabora attivamente con la sezione dialettale per portare nelle scuole di Como e della provincia le nostre tradizioni e la lingua dei nostri padri. Come esempio di poesia da lei scritta ecco alcune sue liriche :

Tratta dal libro "Riv a Pekino " 

 

RIV A PEKINO
(dialetto comasco) 

O busch, o praa di mè meravili, 
cüna de sogn, che nient ha mai smurzaa,                
per mì e per tì, Alice e Üliss nunstàn      
senza una storia.   
Papà, fémm ul nost giööch?    
Ta sée già stràca?  
Se ta fée inscì a rìvum pü a Pekino !      
Dài, salta sü in spalèta ... Ta sée prunta ? --    
(Ul nòster giööch,     
sempar istess e nv volta per volta).

In trono süi tò spall, 'me  'na regina,
(la tua regina ingurda, cul müsìn      
tengiüü dal giüüs(1) de moor e canestrej(2)     
deventavi i tò öcc, e tì la vuus    
che ma spiegava ul muund:  
'na volta l'era un niid scundüü tra i föj;   
un'altra, 'na cüsèta(3) sura a 'n ramm....  

Fèrmat, papà, che càti i narigitt(4).              
Rivaa a  la Culma, vedi in fund Milàn
e i scimm del  Palanzùn e del San Primm. 
Ma Pekino in due l'è ?   Luntàn, luntàn. 
Dedrée di munt gh'é prima una pianüüra... 
E cuminciava un viàgg senza cunfin:
fiümm e citaa mai vist, maar e desèrt,
furest e vall, e in fund, dopu i muntàgn,
me se pizava al suu cüpul duraa...


(1) succo; (2) mirtilli; (3) scoiattolo; (4) bacche rosse del tasso.


La c di noni 
(dialetto comasco)

Da spess ma turna in sogn la c di nni
cui s radiis pientaa in de la muntagna 
e si s finstar vert  a vard ul laagh; 
a puus, la pianta di scires de Spagna 
e denanz l'oort, la viit sura al pule, 
la brgna e la sces de la gaga. 
La c la ciama, la vr che torni indre.
Riid minga, t, de la mia nustalga. 
 
Cuse ta p sav, ti, de 'na vita 
de poora gent, sacrificada, dra: 
giurnaad incuminciaa, al cant del gall  
e cumpii in paas, vis n a la natra. 
Cuse ta p sav del cuntentass 
del pooch ... e ringrazi ul Signuur, 
ti, che ta se impastaa de ambizin, 
semper ciapaa, in trscia, e dum a cuur ...
 
A l' pecaa, par t; guai a fermass 
cume fasvi m s' la mrela  
arent al tavul n redund de sass  
cunt un lbar in man, quand v gi ul suu. 
e scult i campann sun l'Ave Mara  
e bandunass in paas ai t penser,  
good ul silenzi, la malincuna 
de 'n uura f' del temp, del calendari.  
 
'Se ta v mai sav, ti, de rusari 
dii-s la sera apress al fch che mr: 
sguza 'na quei fiamla in la penmbra, 
blan i nost fantasma sura a i mr ... 
E del savuur brschent de l' ga zerba
catada de scundn sura al pule,
e di cuurs a p biutt s' la risciada 
- zcur in mann -  ... p in vall a net i pe. 
La ma fava i galitt l'acqua giazada ... 
  
Ti ta je mai pruvaa; 's' et de cap ?    
E quii cantaat, la sera tardi, in barca     
- 'na fisarmonica per cumpagnament -    
l'uduur de l'acqua, ul sc r pien de mistri.    
La nostra vuus a 'l la purtava ul vent     
s  fina a i stell, fin a la lna, su' ...  
e nm cantvum ai pess, al laagh, ai spund,    
 ai nostar sogn ... e a la giuvent'.  
  
Riid p', ta gh'e resn. La c di nni   
sa paar p ' le, ch l'nn rimundernada.   
L'oort a 'l gh' p e nn traa gi 'l pule,   
la pianta di scires a l' secada.  
Ta gh' e resn. Sa p mai turn indre  
via che cun la memoria ...  
V pr inanz. M vri fermass ch, -
a fin de-par-m la mia storia.   

LA CASA DEI NONNI: Sovente rivedo in sogno la casa   dei nonni/ con le sue radici abbarbicate alla montagna / e le sue finestre aperte alla vista del lago;/ sul retro la pianta di ciliegie di Spagna / e davanti l'orto, la vite sopra il pollaio, / il pruno, la siepe della gagga. / La casa mi chiama, vuole che io ritorni. Non ridere , tu, della mia nostalgia. // Cosa puoi sapere , tu, della vita di povera gente, / sacrificata e dura; / giornate iniziate al canto del gallo / e compiute in pace, vicino alla natura. / Cosa puoi sapere dell'accontentarsi/ del poco... e ringraziare Dio ?/ Tu, che sei impastato di ambizioni, / sempre preso, indaffarato e sempre di corsa... // E' un peccato per te fermarsi / come facevo io, sul muricciolo / accanto al tavolino rotondo di sasso / con un libro in mano. Quando tramontava il sole / ascoltare le campane suonare l' "Ave Maria" / e abbandonarsi in pace ai propri pensieri, / godere il silenzio, la malinconia/ di un ora fuori del tempo, del calendario. // Cosa vuoi mai sapere, tu, di rosari / recitati la sera presso il fuoco morente: / guizza qualche fiammella nella penombra,/ danzano i nostri fantasmi sopra i muri... / E del sapore asprigno dell'uva acerba / colta di nascosto sopra il pollaio / e delle corse a piedi nudi sull'acciottolato / - zoccoli in mano - ... poi al ruscello a sciacquarsi i piedi. // Ci faceva solletico l'acqua ghiacciata. // Tu queste cose non le hai mai provate, cosa vuoi capire ? / E le canzoni cantate la sera tardi, in barca / - ci accompagnava una fisarmonica - / l'odore dell'acqua, il buio colmo di mistero. / La nostra voce la portava il vento / su fino alle stelle, fino alla luna, su ... / E noi cantavamo ai pesci, al lago, alle sponde, / ai nostri sogni ... e alla giovent. // Smetti di ridere, hai ragione. La casa dei nonni /  non sembra pi neppure la stessa da che l' hanno rimodernata. /L'orto non c' pi, hanno demolito il pollaio, / la pianta di ciliegie  morta . / Hai ragione. Non si pu tornare indietro / se non con la memoria ... / Vai pure avanti. Io  voglio fermarmi qui, / e finire da sola la mia storia

 

TRAMUNT TRIST
(dialetto comasco)

Russa, 
cumè 'na végia ferìda semper vérta, 
la pèna del dì che möör
la sa spégia in di öcc del céel . 

Intratant che i gìli 
dobian giù ul sò crapin,
ul laméent luungh di càn  
a 'l ciama anmò la Lüna 
ai finestar de la nott.

In de l'oort di mè speranz
mì spèti che fiurissa ul tò suriis
de pommgranaa.(5) 


(5) melograno.

 

POMM D'AMAREZA
(dialetto comasco)

Quand piööv dumà stell
sü' la pell de l'estaa,
sogn ustinaa mai rassegnaa a passì
galopan sü' i cavài de l'impussìbil
a la ricerca d'una surgent nuvèla.

Amiis -- nemiis  ul vent
per luur l'à rubataa(6)              
in del giardìn del temp,
ma l'à truvaa dumà per la sua séet
pomm d'amarèza.


(6) saccheggiato